Skip to content

Pubblicato l’elenco iscritti all’ALBO del MIMIT dei CERTIFICATORI CREDITI D’IMPOSTA R&S-INNOVAZIONE-DESIGN

Il 15 maggio 2024, il MIMIT ha reso disponibile l’elenco dei Certificatori iscritti all’Albo. La creazione di questo Albo risponde alle disposizioni del DL 73/2022, art. 23, comma 2, che permette alle imprese, che hanno effettuato o intendono effettuare investimenti, di richiedere a un soggetto qualificato e iscritto all’Albo una certificazione che attesti la qualificazione delle attività di R&S&I, garantendo così l’ammissibilità al credito d’imposta per gli investimenti sostenuti.

Le categorie di investimenti per le quali si può richiedere la certificazione sono diverse:

  • Attività ammissibili al credito d’imposta per ricerca, sviluppo e innovazione (L. 160/2019, art. 1, commi 200-202);
  • Attività rientranti nel credito d’imposta per ricerca e sviluppo (DL 145/2013);
  • Attività di innovazione tecnologica (L. 160/2019, art. 1, commi 203, 203 quinquies e sexies);
  • Attività nel settore della microelettronica (D.L. 104/2023).

Le caratteristiche e qualificazioni dei soggetti certificatori, nonché le regole e le procedure per il rilascio della certificazione, sono definite dal DPCM 15.09.2023 (istitutivo dell’Albo) e dal DM 21.02.2024 (disposizioni attuative). La certificazione può essere rilasciata solo da specifici soggetti con competenze e conoscenze specifiche, ritenuti idonei dal MIMIT e iscritti all’Albo dei Certificatori con decreto direttoriale del 15 maggio.

Con la pubblicazione online dell’Albo, è stata anche attivata la piattaforma MIMIT. Dal 15 maggio, le imprese interessate possono caricare sulla piattaforma la richiesta per la procedura di certificazione. La procedura richiede la presentazione di una istanza preventiva al MIMIT tramite il link certificazionicreditors.mimit.gov.it, seguendo l’intero iter informatico, che include il caricamento della domanda di certificazione e della scheda progettuale, la scelta del certificatore, fino alla protocollazione finale.

Dal 5 giugno 2024, anche i Certificatori potranno caricare le certificazioni rilasciate alle imprese richiedenti sulla medesima piattaforma. 

Si ricorda che la certificazione mette in sicurezza l’agevolazione da future contestazioni. Ha effetti vincolanti nei confronti dell’Amministrazione finanziaria per la sola qualificazione delle attività di R&S, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica, mantenendo intatte le attività di controllo su altri profili. Le imprese non possono richiedere la certificazione se è già stato notificato un processo verbale di constatazione (PVC) o un avviso di recupero del credito.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
Compila il form e verrai ricontattato al più presto dallo staff Gieffe Research!

Articoli recenti

Eventi e Formazione

La Gieffe Research sostiene l’iniziativa “La TRASFORMAZIONE DIGITALE DEL SISTEMA TRIBUTARIO E LE PROSPETTIVE DI RIFORMA DELLA LEGGE DELEGA”

Segnaliamo con piacere l’iniziativa 𝙇𝘼 𝙏𝙍𝘼𝙎𝙁𝙊𝙍𝙈𝘼𝙕𝙄𝙊𝙉𝙀 𝘿𝙄𝙂𝙄𝙏𝘼𝙇𝙀 𝘿𝙀𝙇 𝙎𝙄𝙎𝙏𝙀𝙈𝘼 𝙏𝙍𝙄𝘽𝙐𝙏𝘼𝙍𝙄𝙊 𝙀 𝙇𝙀 𝙋𝙍𝙊𝙎𝙋𝙀𝙏𝙏𝙄𝙑𝙀 𝘿𝙄 𝙍𝙄𝙁𝙊𝙍𝙈𝘼 𝘿𝙀𝙇𝙇𝘼 𝙇𝙀𝙂𝙂𝙀 𝘿𝙀𝙇𝙀𝙂𝘼, tenutosi presso l’Università G. D’Annunzio di Chieti – Pescara il 📅 24 e 25 ottobre 2023

Leggi Tutto »